Skip Navigation

Parco degli Etruschi

Cerca | Ricerca avanzata

L'aldilà degli Etruschi

Sovana, Necropoli di Poggio Stanziale: Tomba del Tifone (Panorama)

Sovana, Necropoli di Poggio Stanziale: Tomba del Tifone (Panorama)

Necropoli di Sovana, tombe a tholos di Vetulonia, tombe di Poggio Buco: molteplici sono le aree sepolcrali di epoca etrusca in Maremma sulle quali l’indagine archeologica si è concentrata per molti decenni. Ed è attraverso lo studio delle necropoli che sono stati individuati molti documenti che consentono di delineare un quadro abbastanza articolato delle concezioni che gli Etruschi avevano sull’Aldilà.

Era generalmente diffusa la credenza che il defunto sopravvivesse oltre la morte; egli avrebbe continuato la sua vita nella tomba, che veniva quindi vista come una replica dell’abitazione. In essa venivano deposti, oltre a cibo e bevande, anche i simboli dello “status” sociale del defunto: armi per gli uomini e gioielli per le donne. 

A questa concezione che vede nella tomba la proiezione immediata della vita del defunto con gli oggetti tipici della sua condizione sociale, si affianca, gradualmente, nel corso del V secolo a.C. una diversa ideologia, probabilmente influenzata da dottrine filosofiche greche. L’Aldilà viene percepito come un punto di arrivo, cui si giunge con un lungo viaggio realizzato a piedi, a cavallo o con un altro mezzo di locomozione (carro o nave). Si viaggia portando con sé le provviste necessarie, generalmente trasportate da un servo accompagnatore.

AitaPhersipnai, ovvero Ade e Persefone, sono i signori dell’Oltretomba, popolato da demoni come Charun con naso adunco, lunghe orecchie e colorito azzurrognolo, Vanth la dea alata, munita di falce e con i serpenti tra i capelli, Culsu demone femminile caratterizzato come portinaio dell’Ade dall’attributo della chiave, e infine Tuchulcha mostro dal becco e dagli artigli di uccello da preda e dalle lunghe orecchie d’asino. Accanto a questi demoni, a insidiare il viaggio verso gli Inferi, esisteva una molteplicità di altre creature mostruose, in gran parte prese dal patrimonio leggendario greco: Sirene, mostri anguipedi, delfini e grifi.

L'aldilà degli Etruschi

Necropoli di Sovana, tombe a tholos di Vetulonia,...

Galleria immagini

Vetulonia, Tomba della Pietrera (Castiglione della Pescaia) Vetulonia, Tomba della Fibula d'oro (Castiglione della Pescaia) Vetulonia, Tomba della Pietrera (Castiglione della Pescaia) Sovana, Necropoli di Poggio Felceto: Tomba Ildebranda (Sorano) Sovana, Necropoli di Poggio Grezzano: Tomba Pisa (Sorano) Sovana, Necropoli del Costone della Folonia: Tomba Siena (Sorano)

Altre schede

www.parcodeglietruschi.it - © 2007 Provincia di Grosseto

Sito realizzato in conformità agli standard CSS, XHTML